Piano Offerta Formativa

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

SCUOLA DELL’INFANZIA PARITARIA S.ANGELO

 

 

PREMESSA Sulla base del progetto educativo di Istituto e dopo un'approfondita analisi della realtà sociale, economica e culturale nella quale è situata la nostra scuola, è stato elaborato e approvato il seguente Piano dell'offerta formativa per  la scuola dell’Infanzia paritaria

S. Angelo ai sensi dell'art.3 del Regolamento sull'autonomia, DPR 8.3.1999 N. 275 ed in conformità alle finalità e agli ordinamenti previsti per la scuola.

 

PRINCIPI GIURIDICI FONDAMENTALI L'attività della scuola è in armonia con i principi della Costituzione italiana ed in particolare trae fonte di ispirazione dagli articoli 2, 3, 33, 34; pertanto nello svolgimento del proprio servizio e nel perseguimento del Progetto educativo la scuola non compie alcuna discriminazione per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche, ed ha come scopo primario quello di assolvere alle proprie funzioni di servizio pubblico proteso a favorire la crescita armonica e completa di ogni alunno. La scuola, attraverso tutte le sue componenti e con l'impegno delle istituzioni collegate, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative anche in situazioni di conflitto sindacale, nel rispetto dei principi e delle norme sancite dalle leggi e in applicazione delle disposizioni contrattuali in materia. La scuola, inoltre, si impegna a favorire l'accoglienza dei genitori e degli alunni, l'inserimento e l'integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo all'ingresso nelle classi iniziali.  La scuola riconosce al personale, ai genitori e agli alunni il ruolo di protagonisti e responsabili dell'attuazione di quanto contemplato dal Piano dell'offerta formativa e favorisce una gestione partecipata della scuola nell'ambito degli organi e del Regolamento della scuola, concependola come centro di promozione culturale, sociale e civile. 

L'attività scolastica, ed in particolare l'orario di servizio di tutte le componenti, si informa a criteri di efficienza e di flessibilità nell'organizzazione dei servizi, dell'attività didattica e dell'offerta formativa integrata. Per le stesse finalità la scuola garantisce e organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con istituzioni ed enti culturali nell'ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento definite dallo Stato, dagli Enti locali e dalla scuola stessa. La programmazione assicura il rispetto della libertà di insegnamento dei docenti e garantisce la formazione dell'alunno, facilitandone le potenzialità evolutive e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, recepiti nei piani di studio di ciascun indirizzo.  L'Ente gestore, con l'apporto della competenza professionale del personale e con la collaborazione e il concorso attivo delle famiglie, delle Istituzioni e della società civile, è responsabile della qualità delle attività educative e si impegna a garantire la corrispondenza alle esigenze culturali e formative degli alunni, nel rispetto degli obiettivi espressi nel Progetto Educativo della scuola.

RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIA La scuola, nello svolgere l'azione educativa, collabora con la famiglia e con la comunità sociale; è inoltre aperta a confrontarsi con tutte le presenze che costituiscono la realtà formativa del bambino. Muovendo da questa consapevolezza, i docenti impostano un dialogo costante, sincero ed aperto con le famiglie, garantendo un'informazione esauriente, globale e dettagliata sulle funzioni della scuola e delle attività didattiche, mediante incontri individuali, secondo il calendario presentato all'inizio dell'anno scolastico.

È prevista una riunione prima dell'inizio delle attività didattiche per i genitori della classe d’ingresso, per conoscere le fasi della programmazione educativa e didattica. Per le altre classi verranno svolte riunioni fra ottobre e novembre. I genitori sono, inoltre, invitati alla partecipazione attiva alla vita scolastica, soprattutto per arricchirla delle loro esperienze e prospettive in ambito culturale, sociale, educativo e ricreativo, secondo la disponibilità e gli strumenti di ciascuno. Possono essere previsti :

-        momenti di convivenza con le famiglie durante l’anno scolastico;

-        incontri su tematiche di interesse educativo.                 

-        Iniziative religiose

 

Strumenti di collegamento Sul piano educativo e didattico la scuola, al momento dell'iscrizione, ovvero all'inizio dell'anno scolastico, rende noto alle famiglie il Progetto educativo, che contiene le finalità educative dell'Istituto e precisa le caratteristiche proprie della relazione educativa tra le singole componenti della comunità educante (personale docente e non-docente, alunni, genitori). Integrato dal Piano dell'offerta formativa, contenente anche il regolamento, definisce in modo razionale e produttivo il piano organizzativo in funzione delle proposte culturali, delle scelte educative e degli obiettivi formativi dell'Istituto. Il piano della Progettazione educativa,  è elaborato dal Collegio dei Docenti ed individua i percorsi formativi correlati agli obiettivi ed alle finalità del progetto educativo d'Istituto e nel rispetto delle norme nazionali, anche per quanto concerne gli interventi di recupero. La progettazione didattica, anche per rispondere adeguatamente alle esigenze formative che emergono in itinere, sarà sempre oggetto di verifiche sistematiche di valutazione dei risultati.

RAPPORTI CON IL TERRITORIO La scuola dell'infanzia S.Angelo è situata a Bottegone, nel comune di Pistoia, tuttavia gli alunni che chiedono di iscriversi provengono da ambiti territoriali diversi e da situazioni sociali differenziate. La programmazione dell'attività didattica è elaborata sulla base delle potenzialità di ciascun alunno. In particolare, alunni che si trovano in situazione di svantaggio, anche per motivi di ordine psicologico o sociale, trovano nell'ambito scolastico uno spazio di accoglienza umana che favorisce la loro crescita e la loro espressività, tramite percorsi educativi che tengano presente le loro problematicità. Inoltre, anche le famiglie che si trovano in situazione di difficoltà o di disagio possono trovare presso la scuola, per il clima positivo che si stabilisce con il consiglio o con i singoli insegnanti, un luogo di accoglienza e di sostegno nel rapporto con i figli. Le finalità educative e didattiche vengono conseguite anche mediante un rapporto di collaborazione con enti territoriali. Per favorire l'organizzazione della scuola e la partecipazione delle varie componenti, esistono rapporti di collaborazione con le seguenti associazioni rappresentative del mondo della scuola: FISM (Federazione Italiana Scuole Materne),  AGESC (Associazione di genitori della scuola cattolica). In collaborazione con altri organismi operanti sul territorio  vengono programmate iniziative per promuovere nei bambini la conoscenza della realtà circostante. La collaborazione con le ASL è finalizzata soprattutto a consulenze con équipe medico-psicologiche, per bambini in situazioni di svantaggio o portatori di handicap, per i quali è regolarmente predisposto un piano educativo individualizzato o strategie specifiche di intervento e supporto.

Rapporto con le scuole dello stesso ambito territoriale La scuola ha stabili rapporti con le altre realtà educative del territorio per: - la comunicazione e il confronto di criteri educativi e didattici generali; - la programmazione e la realizzazione comune di attività educative, culturali, sportive. A tal fine può costituire accordi di rete per il conseguimento delle finalità istituzionali o la promozione di progetti comuni. 

ARTICOLAZIONE INTERNA

 

DENOMINAZIONE                               Scuola dell’Infanzia S.Angelo

INDIRIZZO                                           Via  S.Angelo 47 Bottegone (PT) 

TELEFONO e FAX                                  0573/544056

DECRETO DI PARITÀ                            d.d. 5 giugno 2001

PARTITA I.V.A.                                      01032700476

 

Risorse umane:

PERSONALE DOCENTE                          n.3

PERSONALE AUSILIARIO                    n.1

 

Orario della scuola Le attività della scuola dell’infanzia sono programmate dal lunedì al Venerdì,  con i seguenti orari:

INGRESSO: dalle 8.00alle 10.00 Si raccomanda la puntualità nel rispetto di questo limite di accesso, per non disturbare le attività divise per fasce d'età, che inizieranno alle 10.00; USCITA ANTIMERIDIANA: dalle ore 11.45 alle ore 12.00 (per coloro che non si avvalgono del servizio mensa).

USCITA POMERIDIANA: Prima uscita  ore 13.30, seconda uscita ore 14.30, terza uscita ore 16.00

I bambini verranno consegnati ai propri genitori o a persone da loro espressamente indicate. Attraverso richiesta scritta e motivata al consiglio, per ragioni di lavoro, è possibile avvalersi dei seguenti servizi di orario prolungato:

-apertura anticipata e accoglienza bambini dalle ore 7.45.

Nell'orario settimanale sono programmate attività giornaliere suddivise per fasce d'età (3, 4, 5 anni), oltre al corso di avviamento alla lingua inglese ( 5 anni)

ASSENZE

Prima di iniziare le attività suddivise per fasce d'età, i docenti provvederanno a controllare la presenza dei bambini, segnando i nominativi di quelli assenti in un apposito registro. Non è prevista vera e propria giustificazione delle assenze, ma per assenze superiori a 5 giorni, dovute a malattia, i bambini, per essere riammessi a scuola, devono presentare il certificato medico; se le assenze sono dovute a motivi familiari i genitori devono presentare un'autocertificazione. Nel caso in cui la famiglia intenda ritirare il proprio figlio dalla scuola, occorre compilare e firmare un apposito modulo. Qualora un bambino, per motivi di salute, debba rientrare a casa prima del termine delle lezioni, la scuola avvertirà la famiglia e prenderà i provvedimenti del caso.

 

Programmazione organizzativa

 

SERVIZIO DI ACCOGLIENZA PRESCOLASTICA Nella scuola è attivo un servizio di accoglienza: i bambini, le cui famiglie hanno una necessità lavorativa, possono entrare a scuola fin dalle 7.45 del mattino, assistiti da personale incaricato.

 

SERVIZIO MENSA

È attivo un servizio mensa facoltativo, ma facente parte a pieno titolo delle attività scolastiche, in quanto connesso alle finalità educative, dal lunedì al venerdì, dalle ore 12 alle 13, con l'assistenza dei docenti o di personale incaricato. I pasti distribuiti sono preparati nella cucina della scuola, secondo un menù settimanale disponibile all'interno della scuola. Qualora per motivi di salute ci fosse bisogno di pasti in bianco, i genitori devono avvisare l'insegnante la mattina stessa. Nel caso di diete speciali occorre presentare, all'inizio dell'anno scolastico, apposito certificato medico. Il certificato medico occorre anche nel caso di pasti in bianco, o comunque di variazioni del menù di durata superiore a tre giorni. Non sono ammesse variazioni di menù non documentate da certificato medico. Piatti, bicchieri e posate   verranno forniti direttamente dalla scuola.

 

Finalità educative

 

La scuola dell’Infanzia, tenendo conto delle Indicazioni per il Curricolo per la scuola dell’Infanzia  nella prospettiva della maturazione del profilo educativo, culturale e professionale dello studente, persegue finalità educative fondamentali attraverso appositi interventi didattici, riconoscendo come connotati essenziali del proprio servizio educativo:

 

la relazione personale significativa tra pari e con gli adulti, nei più vari contesti di esperienza

 

la valorizzazione del gioco in tutte le sue forme ed espressioni

 

il rilievo al fare produttivo ed alle esperienze dirette di contatto con la natura, le cose, i materiali, l’ambiente sociale e la cultura per orientare e guidare la naturale curiosità in percorsi sempre più ordinati ed organizzati di esplorazione e ricerca

 

Tali finalità sono perseguite creando occasioni e progetti di apprendimento per favorire l’organizzazione di ciò che i bambini vanno scoprendo attraverso i seguenti Campi di esperienza:

 

il sé e l’altro (le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme);

 

corpo in movimento (identità, autonomia, salute);

 

linguaggi, creatività, espressione (gestualità, arte, musica, multimedialità);

 

i discorsi e le parole (comunicazione, lingua, cultura);

 

la conoscenza del mondo (ordine, misura, spazio, tempo, natura).

 

L’attività educativa e didattica è finalizzata:

alla MATURAZIONE DELL'IDENTITÀ «Chi sono?» Permette al bambino di acquisire sicurezza di sé e delle proprie capacità e di prendere consapevolezza della propria crescita. alla CONQUISTA DELL'AUTONOMIA «Io sono capace di... » L'autonomia cresce dentro una "dipendenza" positiva dove l'adulto diventa il punto di riferimento per il bambino accompagnandolo nella scoperta delle proprie capacità e incoraggiandone l'iniziativa.

allo SVILUPPO DELLA COMPETENZA «Io posso fare» Incoraggiando lo spontaneo desiderio di conoscere attraverso il fare, lo sperimentare, l'agire si persegue lo sviluppo delle potenzialità e delle risorse del bambino. La scuola dell’infanzia deve quindi promuovere, durante tutta la giornata, delle esperienze significative per il bambino. I docenti elaborano una progettazione individualizzata, con l'indicazione di obiettivi e metodologie, da attuarsi secondo criteri di trasparenza e flessibilità.

 

Modalità educativa

 

TAPPE EVOLUTIVE

Tre anni: inserimento, conoscenza globale dell'io e prima relazione con la realtà.

Quattro anni: rapporto diretto con la realtà, cominciare a discriminare ed entrare nella fase del gioco simbolico.

Cinque anni: fase dell'organizzazione, tradurre la realtà con mezzi diversi, interiorizzare e simbolizzare i concetti.

INSERIMENTO

Il momento dell'inserimento nella scuola dell’infanzia è di fondamentale importanza per i bambini nuovi iscritti e per le loro famiglie. Consapevoli di questo, i docenti hanno pensato di adottare alcuni strumenti operativi affinché il bambino viva il distacco dalla famiglia in modo sereno.

Sono previsti:

          una  giornata di OPEN DAY: in questa giornata si invitano tutte le famiglie interessate               a visitare la Scuola dell’Infanzia.

La visita viene organizzata solitamente nel periodo delle iscrizioni cosi da offrire alla famiglia l'opportunità di conoscere la scuola, le insegnanti, l'organizzazione generale della struttura e di confermare successivamente, nella domanda di iscrizione, la scelta fatta.   -

-        un incontro prima dell'inizio del nuovo anno scolastico per stabilire le modalità dell'inserimento; 

-        un colloquio con la famiglia per conoscere la personalità e il vissuto del bambino (attraverso la sua storia, le sue abitudini, i suoi giochi preferiti, le sue difficoltà); -

-         l’ingresso  alla scuola dell’infanzia,  all’inizio dell’anno scolastico, per i bambini di 3 anni, favorendo insieme alla presenza del genitore un inserimento graduale in un ambiente più raccolto e rassicurante e per accompagnare il bambino alla scoperta di ogni angolo di gioco.

 

Uso degli spazi

 

Le attività si articolano negli spazi a disposizione dell’intera scuola dell’infanzia, anche se ogni sezione ha a disposizione un’aula di riferimento. Oltre alle aule, al refettorio, ai servizi igienici,  la scuola è dotata di un grande salone, dove sono presenti strutture per varie attività ludiche. Dispone, inoltre, di uno spazio esterno, costituito da un ampio giardino

 

Organizzazione della giornata

 

IL TEMPO

Il tempo alla scuola dell’infanzia è costituito dalla successione di più momenti, tutti importanti e significativi. Per questo l’adulto è attento a valorizzare ogni circostanza e istante e a rispettare i tempi di ciascun bambino.

ENTRATA: è il tempo necessario per accogliere sia i bambini che i genitori; durante questo tempo i bambini possono giocare liberamente nei vari angoli-gioco guidati e sostenuti dalle insegnanti.

CALENDARIO: il gioco libero viene interrotto per riunirci in gruppo, contarci, compilare il calendario e per dare inizio alla giornata.

ATTIVITÀ DIFFERENZIATA PER FASCE D'ETÀ: questo è il momento in cui l'adulto chiede al bambino di agire, di formulare ipotesi, di sperimentare, di verificare. Questa proposta è all'interno di un percorso elastico e flessibile che lascia spazio all'imprevisto per dar voce ai bisogni di ciascun bambino.

IGIENE PERSONALE: è il momento in cui i bambini, aiutati dall'adulto, si prendono cura di sé. È un momento molto importante per la conquista dell'autonomia e la maturazione dell'identità. IL PRANZO: il tempo dedicato al pranzo deve essere un tempo di serenità, di dialogo, si deve comunicare il piacere di stare a tavola e di condividere con gli altri questo momento, nel rispetto di piccole, ma essenziali regole. Il dopo pranzo è il momento del gioco spontaneo in classe o in giardino. 

ATTIVITÀ POMERIDIANE: le attività del pomeriggio sono caratterizzate da momenti ludico-didattici articolati in gruppi eterogenei e laboratori vari.

USCITA: è il momento del ricongiungimento con la famiglia. L’insegnante riferirà al genitore gli episodi più significativi della giornata appena trascorsa.

 

Metodo

 

«I PERCORSI DI ESPERIENZA»

Il percorso di esperienza è la modalità di proposta dall'adulto al gruppo bambini. Questa modalità parte dalla consapevolezza che dentro un'esperienza globale avviene, per il bambino, un reale passo di crescita e di conoscenza. Vivere un'esperienza insieme al bambino allontana il rischio di pensare la programmazione come momento di addestramento. C'è addestramento quando l'adulto si pone nei confronti del bambino come trasmettitore di informazioni e nozioni. C'è reale apprendimento quando l'adulto accompagna il bambino nella scoperta della realtà suscitando un interesse, generando curiosità, facendo emergere delle domande. I percorsi di un’esperienza possono avere un tema. Il tema è scelto a partire da bisogni o curiosità che si intravedono nei bambini, o dal desiderio che gli adulti hanno di affrontare insieme qualcosa di particolare. L'esperienza ha insegnato che uno dei desideri più grandi dei bambini è quello di sentire narrare delle "storie". Ascoltare storie piace, perché ricorda ai bambini la loro storia; infatti, in ogni fiaba si ritrovano aspetti e caratteristiche della vita di ognuno.

 

Attività integrative

 

LABORATORIO DI LINGUA INGLESE

All'interno delle normali attività è organizzato un laboratorio di lingua inglese con una insegnante. L'obiettivo è quello di offrire ai bambini un primo approccio alla lingua straniera attraverso giochi, filastrocche e canti.

 

LABORATORIO DI CONTINUITA’

Il laboratorio di continuità è rivolto ai bambini di cinque anni e viene svolto dall’insegnante di sezione in collaborazione con le insegnanti delle classi V della scuola primaria  dell'istituto Comprensivo M.L.King di Bottegone

 

USCITE DIDATTICHE

Nel corso dell’anno vengono realizzate delle uscite didattiche, adeguate all’età dei bambini, che favoriscono il percorso educativo proposto.

 

ORGANI COLLEGIALI DELLA SCUOLA

 

COLLEGIO DEI DOCENTI

È composto da tutti gli insegnanti della scuola dell’infanzia. Si riunisce almeno una volta al mese per elaborare la programmazione didattica ed educativa. Elabora, inoltre, il Piano dell'Offerta Formativa. Possono essere invitati a farne parte insegnanti o specialisti di attività promosse occasionalmente o stabilmente nell'ambito delle attività della scuola. CONSIGLIO DI ISTITUTO

È composto dal Legale rappresentante dell’Ente gestore, dalle insegnanti, 1 rappresentante del personale non docente e da 3 genitori eletti all’inizio dell’anno scolastico. Si riunisce almeno due volte durante l’anno scolastico. Dura in carica tre anni. E' lo strumento che garantisce la partecipazione democratica al processo di attuazione dell'autonomia e all'elaborazione del Piano dell'Offerta Formativa.

 

ASSEMBLEA DEI GENITORI

E’ formata da tutti i genitori degli alunni iscritti. Si riunisce due volte l'anno per discutere l’andamento della scuola, per fornire indicazioni per l’elaborazione del Piano dell’Offerta Formativa, per suggerire iniziative extracurricolari.

 

AREA AMMINISTRATIVA

 

Condizioni generali ambientali della scuola

 

La scuola dell'infanzia S.Angelo assicura pulizia, accoglienza e sicurezza dell’ambiente scolastico tali da permettere una confortevole e sicura permanenza nella scuola sia per gli alunni sia per il personale docente e non docente. In particolare, il personale ausiliario si adopera per garantire la costante igiene dei servizi. La scuola, inoltre, si impegna a sensibilizzare le istituzioni interessate, comprese le associazioni dei genitori, degli utenti e dei consumatori, al fine di garantire agli alunni la sicurezza interna all’Istituto e nell’ambito dell’intero circondario scolastico.

 

Fanno parte della scuola le seguenti strutture:

 

Aule per attività didattica

Dotazione standard di aula di scuola dell’infanzia: armadietto, banchi e sedie pari o eccedenti il numero degli alunni, giochi di vario genere.

Dotazione standard di aula scuola infanzia: cattedra, lavagna, armadietto, banchi e sedie pari o eccedenti il numero degli alunni.

 

Aule per attività speciali

salone polifunzionale

Dotazione: libreria, giochi di vario genere, panche, sedie, angoli di giochi strutturati, un televisore e lettore VHS.

Dotazione: tavoli, sedie, banchi.

Per misurare il grado di soddisfazione delle attese e valutare la qualità della scuola, sarà fatto riferimento a consultazioni periodiche dei docenti, dei genitori, mediante discussione orale o, su richiesta, mediante questionari su indicatori di qualità riguardanti:

        1. organizzazione scolastica

        2. funzionalità delle strutture

I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica, devono contenere generalità, indirizzo e reperibilità del proponente. I reclami orali e telefonici debbono, successivamente, essere sottoscritti. 

La Direzione, dopo aver esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e comunque non oltre 15 giorni, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo.

 

FLESSIBILITÀ

Tutto il Piano dell’offerta formativa verrà realizzato attraverso la massima flessibilità in itinere per meglio favorire lo sviluppo delle capacità dell’alunno, la formazione globale e la valorizzazione della sua persona.

 

Locali per attività complementari:

refettorio

servizi igienici: n° 5 per gli alunni scuola dell'infanzia, n° 1 riservato al personale

 

Spazi esterni:

giardino anteriore riservato alla scuola dell'infanzia

cortile posteriore

 

La scuola è disposta al piano terra e dispone di uscite di sicurezza. Apposito piano di evacuazione dell'edificio in caso di calamità è esposto all'interno della scuola.

 

SERVIZI AMMINISTRATIVI

 

Iscrizioni: la distribuzione dei moduli di iscrizione è effettuata dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9 alle ore 16.

Pagamento rette: la riscossione delle rette scolastiche è garantita dalla presenza di un responsabile del consiglio amministrativo all'interno della scuola due mattine per ciascun mese, orientativamente nei giorni dal 10 al 15.

 

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

01.05 | 14:32

hai commentato

...
01.05 | 09:57

Ciao Piergiorgio sono Padre Omar di Mondomissionario, quando torno dal Camel vorrei celebrare con te nella tua parrocchia come nel lontano 1993, a presto!!

...
01.05 | 09:54

Ieri ho cercato la parrocchia per una funzione ma sono finita per sbaglio a Sn Sebastiano mancano le indicazioni ecco

...
25.04 | 23:36

Non lo abbiamo, spiacenti..

...
A te piace questa pagina